Scatola Musicale - Amplificatore

L’ultimo elemento necessario nel circuito è l’amplificatore, perchè l’uscita del modulo audio non è ovviamente in grado di pilotare direttamente uno speaker.

Ho scelto di utilizzare un amplificatore integrato TBA820M perchè molto configurabile grazie ai componenti esterni e anche discretamente potente: a 9V con un carico di 8Ohm, raggiunge una potenza di 1,2W. Inoltre la sua corrente a riposo è appena 4mA, e dato che questo dispositivo sarà alimentato da una batteria, ci interessa che questo valore sia il più piccolo possibile.

Lo schema da seguire è indicato direttamente nel suo datasheet: si tratta dello schema con carico connesso a massa, che riporto qui:

I due valori dei componenti che non sono specificati (Rf e Cb) dobbiamo deciderli in base a cosa vogliamo ottenere dall’amplificatore: Rf è la resistenza che regola il guadagno in tensione. Provando il circuito con un trimmer ho trovato che un valore di 100 Ohm è un buon compromesso tra una buona amplificazione e una bassa distorsione. Abbassando questa resistenza si ottiene una maggiore amplificazione ma anche una maggiore distorsione.

Il condensatore Cb è quello che determina la banda passante. Lavorando in campo audio, la banda che ci serve è intorno ai 20 kHz, il modulo che utilizziamo ha una banda di 5 kHz. In rete ho trovato indicazioni per un valore di 220pF con banda passante di 25 kHz, io ho usato un condensatore da 390pF perchè era il valore più vicino che avessi disponibile, e la qualità del suono è comunque molto buona.

Ho utilizzato uno speaker preso da una vecchio telefono perchè aveva un buon suono ma soprattutto le giuste dimensioni.