Controllo radio per tabellone segnapunti - Hardware e schema principale

Il circuito, realizzato su basetta ramata, è inserito in un contenitore metallico schermato esternamente e internamente.

Accanto ad esso si trova una sirena 230 V con la sua scheda di controllo.

La scatola utilizzata, approssimativamente a forma di parallelepipedo e fissata alla parete della palestra, apparteneva ad un vecchio elaboratore programmabile Olivetti.

L’alimentazione è fornita esternamente dal circuito che raddrizza la tensione presente sull’avvolgimento secondario dei toroidi presenti all’interno del tabellone (circa 22 V) ed è stabilizzata per la scheda con un LM7805.

Il cervello del sistema di controllo è costituito da un potente microcontrollore PIC18F4620 che si occupa della ricezione e della decodifica dei comandi.

La ricezione è affidata al modulo AC-RX della Aurel (operante, ovviamente, alla frequenza di 433.92 MHz) ed alla rete di trasformazione del segnale da ASK-OOK a NRZ-TTL presentata precedentemente.

Sebbene sia presente un oscillatore interno, si utilizza un quarzo esterno da 4 MHz con i relativi condensatori ceramici da 33 pF poiché è necessaria un’alta stabilità del clock per avere una buona precisione nella lettura dei comandi ricevuti.

Per la trasmissione dei dati dal PIC al tabellone è utilizzato un cavo multipolare a sei conduttori più schermatura esterna (dato, clock, i tre strobe, la massa e la messa a terra).

È stato predisposto un connettore ICSP che permette la riprogrammazione del PIC attraverso un programmatore PicKit 2 o successivi, senza dover smontare l’intero contenitore del circuito.

Lo schema elettrico del sistema ricevente è presentato di seguito:

(clicca sull'immagine per vederla più grande)

È visibile in basso sulla sinistra il connettore del cavo multipolare utilizzato per la trasmissione dei dati e la connessione di attivazione dell’avviso acustico, che è direttamente collegata alla relativa scheda di controllo.

In alto sulla destra è presentato il circuito di stabilizzazione della tensione ai 5 V richiesti dal microcontrollore come tensione di alimentazione ottimale, sotto tale circuito è visibile il ricevitore radio con la rete di condizionamento già presentata precedentemente.

Infine, in alto sulla sinistra è presente il connettore ICSP per la programmazione in-circuit. A fianco del circuito di ricezione è posizionato quello dedicato alla gestione dell’avvisatore acustico presentato nel capitolo seguente.